IMPOSTA DI SUCCESSIONE: DESTINAZIONE PARADISO

29 Maggio 2021

“Ho lavorato e risparmiato una vita, pagato un sacco di tasse e alla fine anche quello che lascio ai miei figli deve essere tassato? Questo è un paese che tartassa i cittadini, da vivi e da morti!

Più o meno sono di questo tenore le considerazioni, più o meno manifeste, delle persone con cui mi trovo ad affrontare il tema della pianificazione finanziaria. E sono quelle che passano per la testa di tutti.

Una tassazione sui redditi tra le più alte del mondo e poi anche l’imposta di successione?

Il tema è caldo: alcuni giorni fa è stata messa sul piatto del Governo una proposta del Segretario del PD, Enrico Letta, di aumentare le imposte di successione per finanziarie un fondo di eredità universale da destinare a tutti i ragazzi al compimento del 18^ anno di età.

La proposta piace a molti e dispiace ad altri e, come quasi tutto, divide l’opinione pubblica.

Trova la sua ragione in un dato allarmante: in otto anni +42% i ragazzi neolaureati che lasciano il paese a causa delle limitate prospettive di lavoro. Quanto questo dato possa essere invertito con una dote di denaro da mettere in tasca ai giovani è purtroppo e del tutto da valutare.

Ma le imposte di successione saranno comunque al centro del dibattito. Vediamo perché.

L’OCSE nei suoi periodici rapporti sullo stato dell’economia e dei conti pubblici nei vari paesi, ormai da molti anni evidenzia il fatto che l’Italia, per quanto riguarda l’imposta di successione, è un vero e proprio PARADISO FISCALE.

Anche i richiami da parte dell’Unione Europa non sono mancati: in Italia il gettito derivante dall’imposta di successione è irrisorio ( meno di 1 miliardo di euro) a fronte dei 7 miliardi della Germania e dei 14 miliardi della Francia.

L’Italia non è l’unico paese in Europa a tassare poco o niente il trasferimento intergenerazionale della ricchezza. Svezia, Norvegia, Portogallo e Malta non applicano alcuna tassa di successione.

Il quadro è molto variegato. Pensate che in Francia l’imposta di successione arriva fino al 45%.

E in Italia?

A rendere irrisorio l’incasso dello Stato è soprattutto la franchigia. Ogni erede (coniuge, figlio o parente in linea retta tipo nonno-nipote) ha diritto ad una franchigia di esenzione pari ad un milione di euro.

Un padre che lascia 3 milioni di euro a moglie e due figli lascia un capitale esente da imposte di successione. Se la somma supera il milione per erede l’imposta è del 4%.

Chi lascia 1900000,00 euro a due figli non paga niente. Se  pari cifra viene ereditata da un figlio unico, questo dovrà pagare 36mila euro.

La franchigia scende a solo 100mila euro per fratelli e sorelle e l’imposta sale al 6%.

La franchigia scompare per tutti gli altri parenti, quindi tutta la somma va ad essere tassata con una aliquota pari al 6% o all’8% a seconda che si tratti di parenti o meno.

Quando l’erede è un portatore di Handicap la franchigia è elevata ad 1,5 milioni di euro indipendentemente dal grado di parentela. 

 

Ci sono anche altre ragioni a rendere “vantaggioso” morire in Italia:

1) Le aziende passano ai figli in esenzione fiscale se questi portano avanti l’attività per almeno 5 anni successivi.

2) Gli immobili vengono computati al loro valore catastale e sono ormai anni che viene rinviata una riforma del catasto e un adeguamento dei valori catastali a quelli reali del mercato.

3) Alcuni strumenti finanziari sono considerati estranei all’asse ereditario e non vengono conteggiati come base di calcolo per l’imposta di successione.

La riforma del catasto è in dirittura di arrivo e questo farà lievitare il valore degli immobili, soprattutto di quelli nelle zone di pregio delle città. Pensate che oggi una casa in centro città a Roma può avere un valore catastale inferiore a quello di una casa in un paese di provincia di pari dimensioni.

C’è un’importante riflessione da fare: l’aspettativa di vita è destinata a crescere ancora. Gli over 65 hanno difronte quella che viene definita “seconda giovinezza”.

Viaggi, vacanze, abiti e accessori di lusso, belle auto,  socialità, centri termali: questi sono i desideri della categoria over 65.

La nuova campagna pubblicitaria di LV non a caso  punta sulla categoria dei “giovani pensionati”. Una fetta di mercato che viene definita Silver Economy.

Nessuno vuole pianificare la propria dipartita ma è assolutamente necessario pianificare almeno la propria permanenza destinata ad allungarsi ben oltre i 90 anni.

IL MIO CONSIGLIO: Sfruttare, fino a che ci saranno,  gli strumenti leciti e utili a ridurre l’impatto delle imposte di successione e soprattutto a garantirsi un buon tenore di vita nella seconda giovinezza e nell’ultima fase della vita.

Solo  un piccolo esempio:

Cosa impedisce oggi di donare la nuda proprietà della casa ai figli? Magari con la clausola di  assistenza o di mantenimento del tenore di vita?

Le donazioni tra vivi sono sottoposte alle stesse aliquote delle successioni e alle stesse franchigie (per il momento!)

Un semplice atto notarile a costo irrisorio che consente, tra l’altro,  di approfittare della franchigia ancora esistente.

Una scelta oculata a costo zero e il problema è risolto per sempre.

Come la canzone di Gianluca Grignani “Destinazione Paradiso”:

C’è, che c’è

C’è che prendo un treno che va

A Paradiso città

E vi saluto a tutti e salto su

Prendo il treno e non ci penso più.

…Destinazione Paradiso…

 

Scopri come posso aiutarti cliccando qui

CAPITONI CRISTINA | PERCORSO TREC

Se vuoi affrontare la tua pianificazione successoria contattami subito

 

 

Cristina Capitoni
Consulente Finanziario
Iscritto all'Albo dei Consulenti Finanziari abilitati all'offerta fuori sede
Via Salerno 2 Sinalunga
Rimani aggiornato
Seguimi sui Social
Seguimi sui social per restare sempre aggiornato sul mondo della finanza
https://cristinacapitoni.it/wp-content/uploads/2021/03/logo_alfabeto_fideuram.png

Copyright by Cristina Capitoni. P.IVA: 01437400524 | Powered by PlayPixel.it