L’OTTAVA MERAVIGLIA DEL MONDO

2 Gennaio 2021

GRANDE MURAGLIA CINESE

PETRA (Giordania)

COLOSSEO

CHICHEN ITZA (Yucatan, Messico)

MACHU PICCHU (Cusco, Perù)

TAJ MAHAL (Agra, India)

CRISTO REDENTORE (Rio de Janeiro, Brasile)

 

Queste le 7 meraviglie del mondo moderno, luoghi magici che ispirano i sogni dei viaggiatori e difronte ai
quali può mancare il fiato per la carica di emozioni che sono in grado di trasmettere.

E l’ottava?

Secondo Warren Buffet, è l’interesse composto.

Non è un’opera architettonica e non la si può fotografare. Eppure è in grado di trasmettere emozioni.

Warren Buffett è forse l’investitore più famoso al mondo, sicuramente il più citato per le sue frasi celebri,
talvolta di una semplicità disarmante da far credere che l’investire soldi sia una cosa da ragazzi.

Soprannominato l’oracolo di Omaha (dal nome della città del Nebraska nel quale nacque 90 anni fa) ha
costruito un impero applicando semplici principi nella selezione dei suoi investimenti.

La sua società, Berkshire Hathaway inc; ha sede a New York dove è quotata, è una delle holding più grandi
al mondo e detiene partecipazioni in tutti i settori economici.

Nel 2020 Buffett risulta essere il quarto uomo più ricco del mondo con un patrimonio di 87,4 miliardi di
dollari.

Si racconta che a 11 anni abbia iniziato ad investire in azioni impiegando i risparmi ottenuti vendendo a
scuola le bibite comprate nel negozio del nonno.

E’ il primo ad applicare in modo sistematico le regole del Value Investing dell’economista Benjamin Graham
con il quale lavora per un periodo in quello che è ritenuto il primo hedge fund della storia.

Cos’e’ il Value Investing? Si tratta di un metodo di investimento che va alla ricerca di azioni di aziende
sottovalutate dal mercato, da comprare e tenere per lunghissimo tempo.

Quasi banale, potrebbe dire qualcuno. E invece è una delle cose più difficili da fare.

E’ difficile comprendere quali aziende siano sottovalutate ma soprattutto quali aziende possano avere un
business solido da resistere nel tempo. Si tratta di quelle aziende che:

  1.  Hanno marchi o detengono vantaggi competitivi nei confronti della concorrenza
  2.  Sono in grado di scegliere i migliori manager
  3.  Sono in grado di innovarsi e stare al passo con i gusti dei consumatori e con le innovazioni
    tecnologiche.

Una volta fatta questa selezione, in base ad un processo accurato e strutturato, non resta che aspettare che
l’interesse composto compia la sua magia.

Warren Buffett dice infatti di se stesso “ la mia riccheza deriva dall’aver sfruttato l’interesse composto”.

Ma cos’è l’interesse composto?

E’ il meccanismo di crescita prodotto dagli interessi che, reinvestiti producono altri interessi e che nel
tempo è in grado di far crescere in maniera esponenziale l’investimento iniziale.

Ma come si può sfruttare l’interesse composto, oggi che i soldi non rendono più niente?

I rendimenti delle obbligazioni (titoli di stato, depositi bancari, ecc) sono a zero o negativi in alcuni casi e
quindi il meccanismo dell’’interesse composto in questo ambito ha le gambe tagliate.

Ma c’e un mondo la cui potenzialità è intatta ed è lo stesso sfruttato da Warren Buffet da quando ha
iniziato ad investire.

E’ il mondo delle azioni, quello che rappresenta le aziende che inventano, brevettano, producono,
innovano, realizzano, danno lavoro e, soprattutto, guadagnano!

Non ti sto suggerendo di comprare singole azioni o singole aziende, non sono diventata matta!

Esiste lo strumento per sfruttare la magia dell’interesse composto e si chiama Fondo D’investimento
Azionario.

E una volta che hai acquistato, come dice Warren Buffett, dimentica i tuoi soldi.

Chi riuscirà a distaccarsi sufficientemente dai propri soldi, a ignorare i momenti di salita senza cadere
nella tentazione di “portare a casa” il poco guadagno e a tapparsi le orecchie quando i tg parlano di
miliardi bruciati senza farsi prendere dal panico, potrà beneficiare, nel tempo, di questa ottava
meraviglia.

Solo un esempio, per rendere meglio l’idea:

un fondo d’investimento azionario globale, considerato tra i migliori grazie al suo processo di selezione
basato sulle regole del Value Investing, ha realizzato in 10 anni una performance pari al 352%.

Significa che 100000 euro investiti nel 2010 sono oggi pari a 352000.

La sua performance annua è stata negativa in alcuni anni ( il 2011, il 2016, il 2018) e molto positiva in altri.
Quei risparmiatori che avevano questo fondo e lo hanno tenuto solo alcuni anni hanno avuto, si, dei buoni
guadagni ma nulla in confronto a colori i quali hanno tenuto il fondo per dieci anni.

Ci diamo appuntamento tra 10 anni per vedere dove l’interesse composto avrà portato il risultato di questo
e altri fondi azionari?

“Ma io non voglio rischiare” è la frase che spesso mi sento dire?

E quindi? La mattina non ti alzi dal letto o non apri la tua attività oppure non guidi la macchina?

Il rischio dell’investire è un rischio che si può calcolare, gestire e soprattutto cavalcare con quella parte di
risparmio che è destinata a progetti di lungo periodo.

Nella maggior parte dei casi le persone mi dicono che i loro risparmi devono essere lasciati a figli o nipoti.

Chi veramente ha a cuore il benessere delle future generazioni dovrebbe evitare di tenere i soldi fermi in
un conto corrente e dedicarli ad un vero e solido progetto di crescita sfruttando l’interesse composto.

 

Vi saluto con alcune frasi celebri dell’oracolo di Omaha

“ il mercato azionario è progettato per trasferire soldi dai frettolosi ai pazienti”

“Il mio periodo di investimento preferito è per sempre”

“non esiste un investimento peggiore che tenere i soldi in contanti”

Cristina Capitoni
Consulente Finanziario
Iscritto all'Albo dei Consulenti Finanziari abilitati all'offerta fuori sede
Via Salerno 2 Sinalunga
Rimani aggiornato
Seguimi sui Social
Seguimi sui social per restare sempre aggiornato sul mondo della finanza
https://cristinacapitoni.it/wp-content/uploads/2021/03/logo_alfabeto_fideuram.png

Copyright by Cristina Capitoni. P.IVA: 01437400524 | Powered by PlayPixel.it